Blog di MedicAir Group

Succhi di frutta e verdura: differenza tra centrifuga ed estratto

Differenza tra centrifuga e estratto

D’estate è normale avere voglia di una bibita fresca: un succo di frutta o verdura potrebbe essere la soluzione ideale, soprattutto se si impara a sfruttare al meglio le proprietà nutritive della frutta. In questo modo, si arriva a rendere questa merenda non solo buona, ma anche salutare. La prima domanda che sorge spontanea è, quindi, in che modo è possibile preparare un succo? Esistono diverse tecniche: qual è, ad esempio, la differenza tra estratto e centrifuga? Scopriamolo insieme. 

Estratto o centrifuga: le differenze

La prima differenza tra centrifuga ed estratto riguarda la modalità di preparazione. Per ottenere un “estratto” viene utilizzato uno strumento chiamato estrattore: in questo caso, il succo si ottiene attraverso una spremitura “a freddo”. La polpa o le foglie, una volta introdotte nell’apparecchio, vengono schiacciate da una specie di vite (coclea) che gira molto lentamente, evitando così il surriscaldamento del prodotto (da qui, la dicitura “a freddo”). In seguito, il composto viene setacciato, per preservare i micronutrienti (vitamine principalmente) e ottenere dei succhi con quantità nutrizionale maggiore. 

Diverso è un centrifugato di frutta (o verdura), che si ottiene utilizzando un elettrodomestico ad hoc, all’interno del quale sono presenti alcune lame molto affilate che sminuzzano nel giro di una manciata di secondi la frutta e la verdura. La polpa viene poi filtrata e il succo è subito pronto da gustare.

Un’altra differenza è invece legata alla consistenza: gli estratti sono molto più densi e cremosi rispetto ai centrifugati, che rimangono più liquidi. Inoltre, non tutte le verdure si riescono a centrifugare, perché contengono poco succo. 

Quale scegliere tra i due?

Al momento della scelta ci si dovrebbe basare principalmente su gusto e necessità personali. Gli estrattori riescono a ottenere un maggiore quantitativo di succo, mentre le centrifughe sono indubbiamente più economiche e veloci da preparare. 

È invece falsa la diceria secondo la quale le centrifughe, riscaldando il succo, favoriscono la perdita di nutrienti. In realtà, la centrifuga non distrugge le sostanze nutritive di frutta e verdura, se non in rari casi. Ciò che cambia rispetto all’estratto è la conservazione delle vitamine nel tempo (meno lunga), perché il succo ottenuto è maggiormente predisposto al processo di ossidazione.

Condividi
Tabella di conversione gas criogenici liquefatti

Seleziona il GAS, inserisci il valore, confermalo con invio e otterrai la conversione

O2 - Ossigeno
Sezione riservata agli operatori

Questa sezione del sito MedicAir è riservata ai soli operatori sanitari. I contenuti sono da considerarsi di natura puramente informativa e non pubblicitaria. Proseguendo, si dichiara di essere in possesso dei requisiti per la consultazione di informazioni tecniche, secondo le normative vigenti (Ministero della Salute, Linee Guida del 20 dicembre 2017).