Blog di MedicAir Group

Shelf-life degli alimenti: cos’è?

Nell’industria alimentare si parla spesso di shelf-life, che costituisce un fattore estremamente importante sia per l’azienda stessa che per i consumatori. Capiamo quindi cosa si intende con l’espressione shelf-life degli alimenti e da cosa dipende.

Shelf-life: cos’è?

Shelf-life, letteralmente “vita di scaffale”, è un termine tecnico che può essere reso in italiano con vita commerciale e che fa riferimento al tempo massimo di mantenimento di un prodotto in commercio in termini di qualità e sicurezza. In altre parole, la shelf-life indica il tempo che può intercorrere dalla produzione al consumo del prodotto stesso, senza che si creino dei rischi di salute per il consumatore. Più in dettaglio, sarebbe poi bene parlare di shelf-life primaria e shelf-life secondaria.

La shelf-life primaria indica il tempo che segue la produzione e il confezionamento durante il quale il prodotto continua ad avere una qualità accettabile, a patto che si seguano alcune particolari indicazioni per la conservazione. La shelf-life secondaria, invece, si riferisce all’intervallo di tempo durante il quale un prodotto risulta accettabile, in termini di qualità nutrizionali, igieniche e sensoriali, anche dopo l’apertura della confezione.

Quando si parla di shelf-life degli alimenti accettabile, si intende che questi ultimi non devono contenere microrganismi pericolosi, né mostrare variazioni nel sapore, nell’odore o nel colore, né andare incontro alla completa perdita di nutrienti e vitamine dovuti, ad esempio, alla loro ossidazione.

Da cosa dipende?

Esistono allora alcuni indicatori che determinano la shelf-life di qualunque tipo di alimento, ossia la sua conservabilità, e a cui bisogna prestare attenzione. Servono a tenere sotto controllo tutti quegli elementi che intaccano la sicurezza e le caratteristiche sensoriali di un prodotto alimentare. Alcuni possono essere individuati solo da professionisti del settore, altri sono evidenti anche per il consumatore finale: l’accettabilità è data da modificazioni tali da rendere qualunque alimento confezionato del tutto repellente.

Per calcolare le tempistiche della shelf-life si utilizzano allora dei driver di accettabilità, dei fattori, specifici per ogni alimento, che tengono conto delle sue criticità e che servono a monitorare delle variazioni, per esempio nell’aroma o nella quantità di vitamine all’interno del prodotto o nella salubrità di un alimento a seguito della proliferazione di alcuni microrganismi. Una volta stabiliti i driver, si valutano le loro variazioni nel tempo per capire quando l’alimento supera le condizioni di accettabilità alimentare e per arrivare quindi a determinarne la shelf-life.
Inoltre, anche la tipologia di confezionamento e di conservazione impattano sulla shelf-life: si tratta, infatti, di altri fattori tenuti in conto per il calcolo della conservabilità, mostrata chiaramente da alcune date indicate sulla confezione. Tra queste, la data di scadenza (da consumarsi entro il…) per gli alimenti freschi, da seguire a tutti i costi pena infezioni, e il termine minimo di conservazione (da consumarsi preferibilmente entro il…), utilizzato invece per alimenti meno deperibili e senza rischi di salute nel caso si superi la data indicata.

Shelf-life degli alimenti: i test di MedicAir Food

In generale, la shelf-life dipende dallo stato di qualità della materia prima e dal confezionamento, anche se il rispetto di alcune procedure di pulizia e sanificazione sono altrettanto indispensabili per garantire la massima durabilità di un prodotto alimentare, che includono disinfezione e detersione degli utensili e degli ambienti coinvolti.

A questo proposito, di recente MedicAir Food si è occupata di eseguire dei test per allungare la shelf-life di alcuni prodotti alimentari come tramezzini e minestrone, senza alterarne qualità e gusto. Tali test sono stati condotti in ambienti refrigerati, dalla temperatura non superiore ai 3-4 °C. Per quanto riguarda i primi, la miscela messa a punto arriva a garantire una shelf-life di 7/10 giorni, mentre per il minestrone si è arrivati a 10 giorni pieni.

Non si è, però, lavorato soltanto sulla miscela alimentare, ma anche sulla sanificazione: tutti gli ambienti di realizzazione delle miscele dei prodotti sono stati sanificati ad hoc, seguendo alti standard di sicurezza alimentare. Utensili e ambienti dedicati alla formula dei tramezzini sono stati igienizzati con perossido alimentare altamente stabilizzato, mentre la verdura destinata al minestrone è stata lavata una seconda volta, successivamente al taglio, in una soluzione di antiossidanti e acqua.

Condividi
Tabella di conversione gas criogenici liquefatti

Seleziona il GAS, inserisci il valore, confermalo con invio e otterrai la conversione

O2 - Ossigeno
Sezione riservata agli operatori

Questa sezione del sito MedicAir è riservata ai soli operatori sanitari. I contenuti sono da considerarsi di natura puramente informativa e non pubblicitaria. Proseguendo, si dichiara di essere in possesso dei requisiti per la consultazione di informazioni tecniche, secondo le normative vigenti (Ministero della Salute, Linee Guida del 20 dicembre 2017).